Coding in your classroom NOW!

Leave a comment

Unknown

E’ arrivato settembre…la scuola sta per ricominciare ed eccoci qui a riparlare di coding!!!

Lo scorso anno avevo scritto un articolo per parlare del coding, progetto promosso dal MIUR nell’anno scolastico 2014/2015.

Unknown

I miei alunni avevano apprezzato tantissimo il progetto ed io avevo notato le numerose ricadute didattiche del corso proposto da code.org e da programma il futuro (se volete saperne di più potete rileggere il post a questo link: http://leideedellamaestramari.com/2015/03/lezione-di-coding/).

Quest’anno ho deciso di proporre il corso base per bambini fino a 6 anni di code.org ai miei alunni di classe prima e vi assicuro che è stata una bellissima esperienza!

Inoltre ho seguito un corso dell’Università di Urbino sulla piattaforma EMMA e ve lo consiglio se volete comprendere quali sono le innumerevoli ricadute che l’insegnamento del pensiero computazionale può avere sui diversi contenuti disciplinari!!!

Durante il corso il professore Alessandro Bogliolo ci ha proposto di fare coding anche “senza rete” in modalità unplugged attraverso Cody Roby e delle carte da gioco con le direzioni e piccole scacchiere:

http://codeweek.it/cody-roby-en/ecw-edition/

Qui sotto vi metto tutti i riferimenti se volete saperne di più… Date un’occhiata, almeno per curiosità:

https://platform.europeanmoocs.eu/course_coding_in_your_classroom_now

Le lezioni possono essere frequentate anche ora, iscrivendosi alla piattaforma e seguendo il corso tramite video. La comunità di insegnanti si è allargata tantissimo da gennaio 2016, periodo in cui ha avuto inizio la prima edizione del corso ed infatti è stata attivata anche una SummerSchool ad Urbino..

Ecco il libro appena pubblicato:images

Per essere a conoscenza di tutte le novità in merito iscrivetevi alla pagina FB coding in your classroom now!!

Vi metto il link anche ad una raccolta di materiali e lezioni prodotte dai corsisti che una fantastica collega ha assemblato: http://edu.symbaloo.com/home/mix/codinginyourclassroomnow?cookieConsent=false

Spero che vi uniate a questo splendido gruppo!!!

mari e cuore

Share

La matematica con le carte da gioco

2 Thoughts

A maggio sono andata al convegno della Erickson sulla didattica della matematica. In quell’occasione ho potuto imparare un sacco di cose nuove e curiose! Le mie colleghe attuali e le mie ex colleghe ed amiche sanno che ho un pallino fisso che si chiama cooperative learning e tutto ciò che significa far lavorare i bambini in gruppo; questo perché ritengo che la scuola debba innanzitutto insegnare a stare bene insieme agli altri e a sentirsi utili per gli altri, infatti se ciascuno di voi osservasse i propri alunni o figli quando lavorano in gruppo, si renderebbe conto che l’apprendimento passa proprio di lì!!!

Un altro dei miei innumerevoli pallini è il gioco, o meglio il fare in modo che i bambini apprendano in modo divertente e non noioso e che quando sono a scuola possano dire… “Qui ci sto davvero bene”!

In uno dei workshop del convegno ci hanno presentato un libro “La matematica con le carte da gioco” e non appena gli autori hanno cominciato a parlare mi sono detta che avrebbe fatto al caso mio (in fondo in questo approccio ci sono entrambi i miei pallini)! Così non appena è uscito l’ho acquistato!

Nell’introduzione si legge:

“Vale la pena che un bambino impari piangendo quello che può imparare ridendo?”

G. Rodari

COP_Matematica-con-le-carte-da-gioco_590-0606-0

Nel libro sono presentati 27 giochi di carte (tradizionali ed inventati) che possono essere utilizzati in tutte le classi fino ai 14 anni. Questi giochi sono collegati all’acquisizione e rinforzo di abilità matematiche. L’utilizzo delle carte da gioco si lega molto bene alla didattica che io preferisco (anche se non è sempre facile da attuare) che è quella laboratoriale. I bambini sono i protagonisti del loro apprendimento e soprattutto  attraverso il gioco l’apprendimento avviene con molta meno fatica e con più entusiasmo.

L’entusiasmo… può sembrare una cosa da poco, ma io non che lo sia. Infatti un bambino che tira fuori entusiasmo per ciò che fa… apprendere più facilmente! Non so se ci siano studi che lo dimostrano, ma la mia breve esperienza mi dice che questo è vero!

Per tutti questi motivi nei prossimi mesi ci sarà un’ora della nostra settimana in cui “giocheremo a carte” e grazie a questo cercheremo di potenziare le nostre abilità e conoscenze matematiche!

Vi farò sapere!!

watFIRMA-1

 

Share

Una lezione sul racconto giallo…

Leave a comment

Schermata 2015-05-05 alle 11.05.34

Ho deciso di condividere con voi questa ipotesi di lezione sul racconto giallo o meglio un percorso di diverse lezioni sul racconto giallo. Chi mi conosce sa che non sono un amante dell’italiano come disciplina, ma quando ho dovuto estrarre la traccia per l’orale del concorso, dato che sono una fortunella, ho dovuto attrezzarmi…e studiarmi qualcosa di bello…. Spero vi piaccia e che possa esservi utile….

Potete scaricarlo qui sotto…lasciate un commento!!

Il racconto giallo

Share

Regalino per il meeting

Leave a comment

Voglio condividere con voi le immagini dei regali i che ho preparato per l’ultimo meeting ASI…

Ho pensato di realizzare delle scritte (happy, enjoy e dream) che possono essere utilizzate dalle scappers molto più brave di me per i loro progetti…. Chicca… Ho realizzato la mia etichettina per chiudere le bustine…e questa è davvero una soddisfazione!!!    


 Non le trovate bellissime??

A presto Mari

Share

I ruoli del cooperative learning

7 Thoughts

Ho tanto parlato dei ruoli del cooperative learning che utilizzo con i bambini e allora visto che il mio nuovo blog me lo consente, condivido con voi i miei file che potete stampare.

I ruoli numero servono per applicare alcune strutture cooperative che prevedono la suddivisione dell’attività in più parti, anche in base alle diverse potenzialità dei bambini.

I ruoli standard servono invece per condurre qualsiasi tipo di attività cooperativa.

Generalmente io utilizzo il ruolo del presentatore, il custode del tempo, il custode dell’armonia e il custode del silenzio. A volte distribuisco anche l’aiutante della maestra, ma questo dipende dall’attività che sto svolgendo.

Se qualcuno fosse curioso di saperne di più…può scrivere… per quel che posso rispondo volentieri…!!!

P.s In cambio mi mettete un “mi piace su fb” o un commento???

 

Ruoli standard

Ruoli numero

Buona giornata

IMG_4075Maria

Share

Le regole per stare bene insieme di Mirella e Silvia

Leave a comment
Queste due fantastiche colleghe hanno creato questo bellissimo cartellone con i loro alunni di classe 3!!!
LE REGOLE PER STARE MEGLIO INSIEME!!!
IMG_5581In fondo… se le regole sono condivise e si capisce che servono e non sono una punizione… beh allora è più facile per tutti accettarle!!!
Vi segnalo un link in cui è possibile visionare e scaricare un progetto che ho creato sulle regole…
ma la regola come tutela dei diritti!!!

http://www.apprendimentocooperativo.it/Le-zone/Pinerolo/La-regola-come-tutela-dei-diritti-.-Unita-didattica-per-la-primaria/ca_22737.html

Share

Ricordo di una lezione speciale…

Leave a comment

Non posso non riportare nel mio nuovo blog questo pensiero, nonostante sia passato parecchio tempo…

Prima di andare a dormire… devo proprio scrivere questa cosa…
Oggi ho partecipato ad una lezione bellissima.. con un’insegnante bravissima…
Sono arrivata a casa molto soddisfatta del tempo investito!!!
Come ho detto ad una collega… Sono tornata a casa “Ubriaca di entusiasmo”… e lei…
“No…davvero???Ancora più entusiasmo???”
Ebbene si… il cooperative learning attacca ancora…
Di passi da fare ce ne sono ancora molti… ma più dedico tempo ad impararlo e più
mi convinco che sia davvero l’approccio didattico che fa per me…!!!
Ebbene si!!! Naturalmente spero di diventare sempre più professionale nell’utilizzarlo…
Lo dico sempre io… Un ambiente di apprendimento che integri l’apprendimento cooperativo e l’uso delle tecnologie… è proprio quello che sogno!!!

Concludo con una frase detta da una collega oggi….
“non darti per vinto perché
chi ci ha già rinunciato
e ti ride alle spalle
forse è ancora più pazzo di te”
-L’isola che non c’è-

Quindi… consiglio a tutti almeno di provare a scoprire cosa significa realmente apprendimento cooperativo nel vero senso del termine…

Buonanotte… Maria

Share

Flash cards

Leave a comment

In occasione di questa nuova avventura ho creato delle flashcard che non riuscivo a reperire in rete… Ai miei bimbi speciali sono piaciute molto… Tutte le flashcard hanno il velcro sul retro di modo che si possano attaccare e staccare!!!

Le ho create reperendo le immagini su http://images.google.it/ .

Flas flash card stagioni flashcard mesi 2
Infine… mi sembra utile consigliarvi questo sito dove si possono trovare tutte le flashcards che vi possono servire e che io ho utilizzato per i bambini stranieri per l’insegnamento della lingua italiana!!!
Su questo sito di cui parlavo si da anche la possibilità di creare moltissimi giochi…
http://esl-kids.com/Spero vi sia utile il mio materiale!!

 

Share